Attività

A norma di legge e di statuto possono presentare domanda esclusivamente gli enti e le organizzazioni privi di fini di lucro che operano nei settori di attività della Fondazione e che perseguono scopi di utilità sociale e/o di promozione dello sviluppo economico.

Le richieste di contributo devono essere coerenti con gli obiettivi programmatici e gli ambiti di intervento della Fondazione, così come definiti nel Documento Programmatico Previsionale dell’anno di riferimento, consultabile nella sezione “Programmazione” del sito internet www.fondazionemacerata.it.

Per favorire un’adeguata comparazione delle domande in un’ottica di trasparenza, equità e accessibilità, tutte le istanze devono essere presentate utilizzando l’apposita modulistica disponibile sul sito internet www.fondazionemacerata.it nella sezione “Richieste di contributo” e devono possedere i requisiti soggettivi ed oggettivi indicati nel vigente Regolamento per l’attività istituzionale della Fondazione .

Le domande, corredate della documentazione richiesta e debitamente sottoscritta, dovranno pervenire alla Fondazione in una delle seguenti modalità, entro e non oltre il 30 giugno 2020:

  1. tramite posta elettronica certificata, inviandole all’indirizzo fondazionecarima@pec.it firmate digitalmente dal legale rappresentante del soggetto richiedente;
  2. attraverso raccomandata A.R. spedite all’indirizzo della sede amministrativa della Fondazione in C.da Abbadia di Fiastra, 8 – 62029 Tolentino MC, sottoscritte in originale dal legale rappresentante del soggetto richiedente;
  3. consegnate a mano presso gli uffici amministrativi dell’ente all’indirizzo sopra indicato, sottoscritte in originale dal legale rappresentante dell’ente richiedente.

L’eventuale accoglimento delle richieste pervenute dopo il termine ultimo del 30 giugno 2020 è rimesso all’insindacabile giudizio del Consiglio di Amministrazione della Fondazione.

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione valuterà le richieste di contributo sulla base dei seguenti aspetti:

  • attinenza ai filoni di intervento e agli obiettivi individuati, per ciascun settore, dal Documento Programmatico Previsionale dell’esercizio corrente;
  • efficacia dell’iniziativa in rapporto ai bisogni da soddisfare e agli obiettivi da conseguire;
  • ampiezza delle ricadute e durata nel tempo degli effetti generati;
  • solidità finanziaria dell’iniziativa in relazione agli obiettivi perseguiti;
  • presenza di eventuali cofinanziamenti;
  • sostenibilità dell’iniziativa nel tempo;
  • caratteristiche del richiedente in termini di esperienza maturata nel settore o nella realizzazione di iniziative analoghe, nonché di capacità di gestire professionalmente l’attività proposta.

La Fondazione darà formale comunicazione scritta della concessione del contributo ai soggetti interessati. In caso di accoglimento della richiesta, il contributo verrà di norma erogato a consuntivo, previa presentazione della documentazione di rendicontazione delle spese sostenute per la realizzazione del progetto.

Il concreto avvio del progetto per il quale si richiede il contributo prima della comunicazione scritta della concessione del finanziamento da parte della Fondazione è interamente ad esclusivo rischio e carico del richiedente e tale circostanza non può condizionare in alcun modo le valutazioni della Fondazione stessa.

Il richiedente si impegna ad indicare nella domanda i tempi di realizzazione dell’iniziativa, a pena la revoca del contributo concesso dalla Fondazione, che non devono comunque superare i 4 anni, fatta eccezione per progetti pluriennali la cui durata va opportunamente giustificata ovvero per sopraggiunte ed imprevedibili cause di forza maggiore. A decorrere dal predetto termine il progetto si intende automaticamente decaduto, senza che la Fondazione sia tenuta ad inviare specifica comunicazione ai soggetti interessati.

Social Share