Attività istituzionale 2018: ancora un anno a sostegno dei territori colpiti dal sisma

Pubblicato martedì 30 gennaio 2018

Il sisma che ha messo in ginocchio l’Italia centrale nel 2016 ed in particolare la provincia di Macerata rappresenta una tragedia umana e storica dalle proporzioni inimmaginabili che colpisce l’essenza stessa della Fondazione ovvero il bene della propria collettività. A motivo di ciò, tutti gli organi della Fondazione hanno ritenuto di porre questa emergenza al centro dell’attività istituzionale dei prossimi anni per testimoniare una significativa vicinanza ed offrire un supporto concreto alle popolazioni terremotate.

In un contesto ancora estremamente frammentato, la Fondazione avrà il compito di maturare una visione unitaria dei bisogni del territorio identificando gli interventi più adeguati per soddisfare le numerose esigenze insorte a seguito dei citati accadimenti. A tal fine, andrà costantemente alimentato un confronto con la comunità di riferimento, ma anche con le istituzioni preposte alla ricostruzione economica e sociale dei territori colpiti, per individuare le priorità di interesse collettivo ed impiegare in modo efficiente le risorse destinate al capitolo “sisma”. Ogni sforzo dovrà essere profuso per mantenere coeso in quei luoghi il tessuto sociale e quello economico.
Il tema del terremoto costituisce, pertanto, il leit motiv dell’attività istituzionale del 2018 poiché esso influenza tutti gli ambiti d’intervento prescelti determinando le priorità nell’assegnazione delle risorse.
Nell’apposita sezione della Fondazione dedicata all’Attività Istituzionale sono riportate le linee guida che orienteranno l’assegnazione delle risorse disponibili nel 2018 nonché le modalità di presentazione delle richieste di contributo.